Print Friendly, PDF & Email

Polpette al sugo di pomodoro

Ecco un classico della cucina italiana che fa subito tornare alla memoria i pranzi della domenica a casa dei nonni…

Le polpette al sugo di pomodoro sono un secondo piatto da servire in qualsiasi periodo dell’anno e, perché no, anche durante le feste natalizie.

Il solo profumo fa già venire l’acquolina in bocca.

Nella nostra ricetta trovate, tra gli ingredienti, il pane tipo rosetta inzuppato al latte che offre a questo piatto una morbidezza unica.

Che dire poi del sughetto che si può raccogliere, facendo la scarpetta, con del buonissimo pane fresco?

Insomma una vera delizia per il palato!

Voi come le preparate le polpette al sugo di pomodoro?

Fateci sapere e se vi va mandateci la vostra ricetta che pubblicheremo sul nostro sito, nella sezione secondi piatti, e condivideremo con tutti gli altri utenti della community di Tarallucci e vino anche sulle nostre pagine social su Facebook, su Twitter e su Instagram.

6 persone

50 minuti circa

Facile

Costo basso

Ingredienti Polpette al sugo

  • ½ kg di carne macinata
  • 1 uovo
  • 1 panino tipo rosetta
  • Latte
  • Sale q.b.
  • Parmigiano
  • Olio evo
  • Cipolla
  • 1 barattolo di pomodori pelati
  • Pane grattugiato
  • 10 capperi sotto sale
Polpette al sugo

Preparazione Polpette al sugo

Prendere un’insalatiera e metterci la carne macinata, l’uovo, il parmigiano, la rosetta già bagnata e strizzata per bene, e il sale.

Impastare il tutto.

Nel frattempo, in una padella preparare il sugo con olio, cipolla a fettine sottili, il pomodoro e i capperi sotto sale.

Con l’impasto di carne precedentemente preparato realizzare delle polpettine e passarle al pane grattugiato e man mano che sono pronte metterle a cuocere nella padella.

Dopo che sarà stata messa l’ultima polpetta, coprire la padella con coperchio e continuare a far cuocere a fuoco basso per circa 30 minuti, girandole una volta.

Quindi servire le polpette al sugo di pomodoro.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *