Print Friendly, PDF & Email

POLLO CON SALSA DIJON E CAVOLETTI DI BRUXELLES

Ecco un’altra ricetta da condividere con tutti voi della Community, che abbiamo ricevuto dal nostro amico Ugo: Pollo con salsa Dijon e cavoletti di Bruxelles

Cari amici di Tarallucci e vino, se volete provare a realizzare questo secondo piatto, che racchiude ben quattro ricette, vi consigliamo di seguire tutte le indicazioni di Ugo e la preparazione spiegata in maniera impeccabile.

Fateci sapere com’è andata!

4 persone

Due ore ca.

Moderata

Costo medio

Ingredienti

  • 4 petti di pollo (possibilmente con la pelle)
  • Si possono usare anche i sovracosci di pollo (sempre con la pelle)
  • 100 gr pangrattato alla provenzale
  • 1 cucchiaio salsa Dijon

La salsa Dijon

  • 200 gr ossa di pollo
  • 1 carota media
  • 1 cipolla media
  • 1 costa di sedano
  • 1 cucchiaio farina 00
  • 1 spruzzata vino bianco
  • 1 litro acqua
  • 1 pizzico dado di pollo
  • 2 cucchiai senape Dijon
  • 1 cucchiaino burro
  • 1 cucchiaio olio di semi
  • b. sale
POLLO CON SALSA DIJON E CAVOLETTI DI BRUXELLES

Preparazione

Procedimento – Mettere al forno (200°C.) le ossa di pollo e farle ben abbrustolire. Dopo di che spargervi sopra un cucchiaio di farina e lasciare che si brunisca.

Nel frattempo tagliare a tocchi cipolla, carote e sedano. Metterli in un pentolino a rosolare con dell’olio (va bene anche di semi).

Aggiungere a cipolla, carote e sedano rosolate, le ossa anch’esse rosolate e tenendo il tutto sul fuoco bagnare con il vino bianco e lasciare evaporare.

Aggiungere quindi l’acqua fredda e far raggiungere il bollore.

Far bollire per un’ora a fuoco molto basso. Passare quindi con il colabrodo.

Scartare tutte le parti solide e mettere a bollire il brodo (fondo) ottenuto.

Addensare se serve con un pò d’acqua e farina.

Aggiungere un pò di dado ed incorporare la senape Dijon ed il burro.

Bisogna ottenere una salsa ben legata, liscia e lucida.

Assaggiare sempre per aggiustare di sapore.

Pangrattato alla provenzale

  • 100 gr pangrattato
  • poco prezzemolo tritato fine
  • poco basilico tritato fine
  • 2 spicchi aglio tritati fini
  • 2-3 cucchiai olio extravergine d’oliva
  • b. sale
  • b. pepe nero

Unire tutti gli ingredienti. Mischiare bene in modo che i sapore si amalgamino.

Coprire con la pellicola ma non tenere in frigorifero.

E’ meglio preparare il pangrattato alla provenzale il giorno prima. Può essere usato

su qualsiasi verdura si voglia fare gratinata, specie d’estate.

Preparazione della pietanza

Mettere i petti di pollo in un contenitore. Condirli con sale, pepe nero ed un filo d’olio extravergine d’oliva.

In una teglia da forno mettere sul fondo dei rametti di timo fresco (non secco).

Adagiarvi sopra i petti di pollo conditi e mettere al forno per una ventina di minuti.

Tolti i petti dal forno spargervi sopra la senape Dijon ed un’abbondante spruzzata di pangrattato alla provenzale.

Rimettere tutto al forno per una decina di minuti o quando il pangrattato è ben rosolato.

Servire con sopra la salsa alla senape Dijon.

A fianco si può mettere un tortino di cavoletti di bruxelles (segue ricetta)

Petit timbale de chioux de Bruxelles

(Timballetto di cavoletti di Bruxelles)

Ricetta per 4 persone

  • 300 gr cavoletti di Bruxelles (va bene anche geto) già cotti
  • 100 ml panna fresca
  • 2 uova intere
  • 1 pizzico noce moscata grattugiata
  • 1 cucchiaio burro
  • 1 spicchi aglio
  • 1 pizzico sale
  • 1 pizzico pepe bianco
  • 1 cucchiaio olio per ingrassare i pirottini
  • 4 pirottini in alluminio

In un padellino far soffriggere lo spicchio d’aglio nel burro ed affinché non si bruci aggiungere un po’ di olio. Quando lo spicchio d’aglio inizia a rosolarsi spegnere il fuoco e lasciare che continui a rilasciare il suo aroma.

In un contenitore mettere cavoletti cotti, panna, uova, burro insaporito, noce moscata e sale e pepe.

Con il minipimer ridurre il tutto a una poltiglia omogenea.

Con un pennello oleare bene i pirottini.

Versare il composto sbattendoli un pò in modo da evitare bolle d’aria.

Mettere in una teglia dai bordi non troppo bassi e cuocere a bagno-maria per 40 minuti a 180°C.

Tolti dal forno lasciarli un po’ raffreddare prima di toglierli dalle formine, quando ancora caldi potrebbero facilmente rompersi.

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Solve : *
20 + 6 =


Vuoi entrare a far parte della community online di Tarallucci e vino? Invia la tua ricetta!

Risotto salmone e pinoli
Zuppa di ceci
Tiramisù senza glutine e senza lattosio
Torta salata con cavolo cinese e prosciutto cotto
Carne da brodo in agrodolce