Print Friendly, PDF & Email

Antipasto primaverile fave e pecorino

In Primavera possiamo organizzare un semplice antipasto a base di fave e pecorino romano.

Le serviamo in tavola ancora nel baccello, così che ogni commensale possa servirsi da solo, sgranando le fave e accompagnandole con il pecorino.

In alternativa, si possono insaporire con del sale.

Una vera squisitezza in entrambi i casiJ

Ingredienti Fave e pecorino

  • Fave (rigorosamente fresche, possibilmente appena raccolte)
  • Pecorino romano
  • Sale a piacere
fave e pecorino

Un consiglio da Tarallucci e vino: invece che per antipasto, le fave si possono servire dopo una bella grigliata di carne oppure dopo i tipici carciofi alla matticella veliterni (di questa tradizionale usanza potete approfondire info consultando il nostro sito oppure cliccando direttamente qui: https://taralluccievino.it/carciofi-alla-matticella/)

Un abbinamento ideale da trovare sulle tavole imbandite nel periodo che va dal giorno di Pasquetta al 1° Maggio.

Un’occasione per stare tutti insieme e iniziare ad assaporare il tepore della bella stagione.

Una bella brace e tutti fuori a cuocere in allegria. Carne a volontà, salsicce, carciofi, bruschetta… e chi più ne ha più ne metta!

E poi fave e pecorino!

Se avete ancora un po’ di spazio nello stomaco, vi consigliamo di proseguire servendo delle fragole con la panna! Lascerete i vostri ospiti a bocca aperta!

Provateci e non ve ne pentirete!

Qualche info in più sulle fave, per capire un po’ meglio cosa mangiamo? Ebbene, ecco a voi:

la fava è una pianta della famiglia delle Leguminose o Fabaceae. Il frutto è un legume allungato, cilindrico o appiattito, che termina a punta che contiene da 2 a 10 semi. Da notare che cento grammi di fave fresche corrispondono a circa 70 calorie. Le fase fresche sono fonti di vitamine, soprattutto la C e molte del gruppo B, di vitamina A ed E, e di minerali. Buona la presenza di ferro, potassio, fosforo, calcio, sodio, magnesio, rame e selenio.

fave e pecorino

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *