Print Friendly, PDF & Email

Asparagi in padella

La nostra preziosissima Roberta oggi ha preparato per noi di Tarallucci e vino un ottimo contorno di stagione, che bene si può accompagnare a qualsiasi secondo piatto di carne o di pesce.

Ci ha inviato la sua ricetta degli asparagi in padella e noi siamo molto felici di presentarvela perché questi ortaggi primaverili, generalmente di colore verde scuro o verde chiaro, sono teneri e succulenti e soprattutto molto ricchi di proprietà benefiche (tra i nutrienti benefici ricordiamo fibre vegetali, acido folico e vitamine A, C, E, sali minerali).

Gli asparagi sono inoltre ricchi di antiossidanti, utili a contrastare i segni dell’invecchiamento, e di un amminoacido denominato asparagina, che costituisce un diuretico naturale, permettendo in questo modo all’organismo di espellere il sodio in eccesso.

C’è anche da dire che gli asparagi sono ortaggi ipocalorici e poverissimi di grassi e hanno colesterolo pari a 0.

In Italia troviamo tantissime varietà di asparago dai diversi colori. Il più comune come dicevamo è il verde ma ricordiamo anche quello bianco oppure violetto.

Noi di Tarallucci e vino amiamo moltissimo gli asparagi e li usiamo spesso nelle nostre ricette in cucina😊

Eccone alcune per voi:

tra gli antipasti

tra i primi

Tra i secondi

Se volete mandarci le vostre ricette con gli asparagi, sarà nostra cura pubblicarle su Taralluccievino.it 😊

4/5 persone

40 minuti circa

Facile

Costo basso

Ingredienti Asparagi in padella

  • 1 kg di asparagi freschi
  • Olio extra vergine d’oliva
  • Aglio
  • Sale q.b.
asparagi in padella

Preparazione Asparagi in padella

Come prima cosa pulire per bene gli asparagi, lavarli e lasciarli scolare.

Tagliarli poi a pezzi, abbastanza grandi, e metterli in padella con dell’olio extra vergine d’oliva, 1 spicchio d’aglio e del sale.

Lasciar cuocere per circa 30 minuti.

Il contorno gustosissimo di asparagi in padella è pronto per essere servito!

Buon appetito!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *