image_pdf

Un vino dopo l’altro…la successione dei vini

Oggi nella nostra sezione dedicata al Vino e dintorni, parliamo di quelle che sono le regole di successione dei vini, un modo per evitare di servirli in una sequenza totalmente errata.

Innanzitutto c’è da dire che, come per i piatti a tavola, il cambiamento dei vini va fatto in crescendo.

Sicuramente eviteremo di mangiare il dolce prima dell’arrosto, quindi la stessa regola vale anche per i vini che abbiamo deciso di servire durante il pasto.

Ecco dunque alcuni spunti utili per organizzare una corretta sequenza dei vini da portare a tavola:

  • Come prima cosa, bisogna ricordare che i vini più giovani precedono quelli più vecchi in quanto solitamente i primi hanno un sapore più semplice dei secondi che hanno subito invece un invecchiamento negli anni;
  • Poi c’è da dire che i vini bianchi devono essere serviti prima dei rosati;
  • Seguendo quest’ordine procederemo con i vini rossi;
  • Alla fine invece vanno portati a tavola i vini dolci.

Per avere un quadro ancora più chiaro dell’argomento, possiamo aggiungere che tra vini dello stesso tipo quelli meno strutturati e meno alcolici precedono i più corposi e maggiormente alcolici.

Tutto ciò per rispettare le caratteristiche di ogni vino e quindi non coprire quelle delicate dei più giovani e freschi.

Poche regole dunque ma che possono aiutarci molto in fase di organizzazione di un pranzo o di una cena.

I nostri commensali resteranno sicuramente stupiti e soprattutto avranno l’opportunità di gustare ogni vino, abbinato alla sua pietanza, nel giusto ordine.

Fateci sapere se avete trovato utili questi consigli e se vi va raccontateci com’è andata!

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *